28/12/13

Gramsci e Togliatti | Una storia preconcetta

Nerio Naldi  |  La tesi principale del nuovo volume di Mauro Canali Il tradimento. Gramsci, Togliatti e la verità negata (Marsilio, Venezia, 2013) è che Togliatti tradì Gramsci. Lo tradì politicamente, a partire dall’ottobre del 1926, quando si oppose alla sua intenzione di presentare un documento che era favorevole alla parte maggioritaria del Partito comunista sovietico, ma al tempo stesso critico di alcuni tratti della sua politica; lo tradì accettando i dettami di Stalin negli anni che seguirono; lo tradì intervenendo con pesanti censure e manipolazioni nella pubblicazione dei suoi scritti dopo la fine della guerra. Lo tradì criminalmente, a partire dal febbraio del 1928, sabotando molteplici tentativi di ottenerne la liberazione.
La tesi non è nuova e la presenza di zone d’ombra nella storia del Partito comunista italiano e nei rapporti fra questo e Gramsci e in particolare nei rapporti fra Gramsci e Togliatti è riconosciuta da tempo. Ma Canali presenta nuovi documenti e riletture di fonti già note

Storia e storie | A proposito delle divergenze fra Gramsci e Togliatti

Antonio Di Meo  |  1. Oramai si va affermando un nuovo genere letterario: il noir di tipo storico. Il massimo esempio di esso, a livello mondiale, è Il codice da Vinci di Dan Brown. In Italia, come di consuetudine, la fantasia degli autori è ristretta a pochi argomenti, così come le tirature. Uno di questi è certamente la vicenda della coppia Antonio Gramsci – Palmiro Togliatti, ovvero del Pci delle origini. Rispetto a Dan Brown, però, negli autori italiani di questo genere si avverte chiaramente una certa inclinazione di tipo apparentemente realistico, associata a una forma di livore, spesso aggressivo, diversamente modulato, inspiegabile sia si tratti di fantasia, sia – ancor di più – si presenti l’opera come una ricerca storica documentata. Naturalmente le variazioni sul tema sono numerose. Una di queste è contenuta nel recente libro di Mauro Canali enfaticamente (e si capirà il perché) intitolato Il tradimento. Gramsci, Togliatti e la verità negata. Ancora? dirà qualcuno: ancora, purtroppo ! Siccome il libro è presentato dall’autore come un libro di storia, cercherò di esaminarlo come se lo fosse. Premetto, però, che non essendo uno storico