11/12/10

La colonizzazione della Valle del Giordano

Valle del río Jordán

Gideon Levy 

Da un lato si trova la colonia di Massua nella Valle del Giordano con la sua vegetazione e i fiori, elettricità, acqua, serre e abbondanza di terreno. Dall'altro, un accampamento di tende di 170 anime, senza nessuna di queste cose. Lì, tra pecore, cani, galline, asini e sciami di mosche, i bambini vestiti di stracci vivono in un piccolo gruppo di tende, dopo che l'amministrazione civile, la scorsa settimana, ha distrutto le baracche di povera latta che aveva ospitato gli abitanti del villaggio.

Avevamo programmato di andare nel vicino villaggio di Khirbet Yarza, ove la scorsa settimana Israele ha demolito una moschea, ma ci è stato impedito dai soldati al posto di blocco; neppure le telefonate ci hanno aiutato. Così ci siamo recati al complesso di Abu al-Ajaj, che i coloni vicini hanno circondato con una recinzione. I 70 membri delle famiglie dei tre fratelli Adais ora vivono qui, in un accampamento di tende, con qualche altra famiglia. Il clan Adais possiede 1.500 pecore, loro unica fonte di reddito. 

Il gruppo di tende si trova poche centinaia di metri ad ovest della strada della Valle del Giordano. Massua - che è iniziato nel 1969 come un avamposto della brigata paramilitare Nahal , è diventato un moshav affiliato ad Haoved Hatzioni – che si trova più a ovest.Seduti su sedie di plastica, i fratelli Shahdi Adais e Adnan, rispettivamente 52 e 47 anni, ci hanno raccontato la loro storia di dolore. Kate Allen, direttrice di Amnesty International nel Regno Unito, era andata via poco prima del nostro arrivo. Nelle settimane passate, un certo numero di giovani volontari provenienti dall'estero ha vissuto nell'accampamento, in segno di solidarietà e per documentare quello che succede là. 

I membri della famiglia Adais sono arrivati qui nel 1979 dal villaggio vicino di al-Jiftlik, dopo esservi stati cacciati. I fratelli hanno raccontato che, nel 1999, i coloni di Massua hanno costruito una piccola serra vicino al villaggio e hanno vietato loro di avvicinarsi. Due anni dopo, gli stessi hanno costruito un'altra serra e chiuso la zona ai pastori palestinesi. Quella terra, hanno affermato gli ex residenti, è di proprietà pubblica e appartiene al villaggio. Nel 2008, i coloni hanno espropriato altra terra e hanno anche cercato di chiudere la strada sterrata che conduce verso la strada della Valle del Giordano, lungo la quale vengono portate le pecore al pascolo. È stata chiamata la polizia che ha mantenuto aperta la strada. Shahdi Adais ha detto che sente la mancanza dei vicini della prima generazione di Massua. "I membri della vecchia generazione erano come amici. Abbiamo vissuto insieme," dice. "Abbiamo avuto con loro rapporti speciali. Ma la giovane generazione è così arrogante. In passato, ci accompagnavano al lavoro con le loro macchine e andavano a prendere i nostri figli a scuola. 

Destrucción de casas de los palestinos
Ora i tempi sono cambiati. La nuova generazione è violenta ed estremista. I giovani ci attaccano ". Circa un mese fa, la gente che vive ad Abu al-Ajaj ha costruito un paio di baracche per l'inverno. I vicini di Massua sono apparsi non appena sono iniziati i lavori e li hanno minacciati. I residenti palestinesi hanno chiamato la polizia, ed è arrivato un grosso contingente di poliziotti, soldati e guardie di frontiera. Un uomo dell'Amministrazione Civile, di nome Itzik, ha detto alla gente della zona che dovevano demolire le baracche. Adais ha raccontato di aver mostrato loro una sentenza dell'Alta Corte di Giustizia, di marzo di quest'anno, che, in risposta ad una petizione presentata da lui e dai suoi vicini, proibiva qualsiasi demolizione di strutture in quella zona fino all'emissione di un ulteriore provvedimento. "Voglio continuare a vivere qui, ho vissuto nella zona per 30 anni e non abbiamo mai creato alcun problema," ha continuato Adais, aggiungendo che poi Itzik gli avrebbe detto: "Tutti gli Stati arabi non sono riusciti a rubare neppure un solo metro di terra allo Stato di Israele – pensi di riuscirci tu?” E le baracche sono state effettivamente distrutte.Pochi giorni dopo, i coloni sono ricomparsi e hanno cominciato a recintare la zona. I residenti, ancora una volta hanno telefonato alla polizia, che ancora una volta è arrivata sulla scena. La recinzione a pioli è rimasta, ma i coloni se ne sono andati. Due giorni dopo, sono tornati e hanno ripreso a costruire. 

I palestinesi hanno chiamato la polizia ancora una volta, ma alla fine i coloni hanno costruito la loro recinzione, che ha reso l'area dell'accampamento ancora più piccola. Un investigatore dell'organizzazione per i diritti umani B'Tselem, Atef Abu al-Rub, è arrivato sul luogo e ha visto che soldati e poliziotti stavano aiutando a costruire la recinzione, dopodiché ci hanno messo sopra una bandiera israeliana e hanno cominciato a ballare. Itzik ha avvertito i residenti di non osare toccare la barriera; due palestinesi sono stati arrestati e poi rilasciati.Mercoledì della scorsa settimana, l' ufficiale dell'Amministrazione Civile è tornato ad Abu al-Ajaj, accompagnato da una grande forza di polizia, da soldati delle Forze di Difesa Israeliane e due bulldozer. Shahdi Adais ha cercato di mostrare loro la sentenza del tribunale, che aveva tenuto in tasca, ma senza alcun risultato. "Io sono la legge", sostiene che gli abbia detto Itzik, in un ottimo arabo. Adais ci ha spiegato che i bambini erano ancora addormentati, e lui si trovava di fronte al bulldozer. Qualcuno ha gridato: "Dove sono i soldati? Porta i soldati?". Adais è stato buttato a terra e percosso. Ora ha una cicatrice vicino all'orecchio. Ciò che lo disturba di più, ha aggiunto, è che lui è stato picchiato davanti ai coloni "che erano venuti a vedere lo spettacolo." Adais è stato ammanettato e portato in una base militare nelle vicinanze. È stato rilasciato poche ore dopo, le baracche erano state demolite. Una di queste, 500 metri quadrati di superficie, apparteneva a Shahdi Adais, e altre tre appartenevano a suo fratello, Adnan. 

Un rappresentante di B'Tselem ha detto di aver visto sei capretti morti schiacciati sotto le macerie, i familiari dicono che il numero era più vicino a 30. Due giovani parenti sono ancora detenuti ad Hawara. "Cosa faremo? Resteremo qui e le costruiremo di nuovo", hanno detto i fratelli Adais . "Noi non abbiamo altro posto dove vivere. Possono cercare di cacciarci, ma noi non abbiamo un altro posto dove andare." In risposta, il portavoce della Amministrazione Civile ha dichiarato che le strutture di Abu al-Ajaj sono state demolite in conformità con la legge, dopo tutti i passi giuridici necessari, compresa la convocazione dei residenti davanti alla sottocommissione che si occupa di vigilare e di effettuare gli ordini di demolizione. “L'amministrazione non è a conoscenza di nessun ordine dell'Alta Corte che vieta di effettuare demolizioni in quel sito”, ha detto. “La recinzione agricola è stata eretta su un terreno di stato assegnato a Massua”, ha aggiunto, “e non comprende le case dei palestinesi, come descritto in questo articolo, ma separa i campi di Massua dalle case dei residenti palestinesi”. David Elhayani, capo del Consiglio regionale della Valle del Giordano, rispondendo per iscritto alle domande di Haaretz, afferma: "Il moshav Massua, una delle 21 comunità della valle, ha ricevuto dei terreni agricoli da parte dello Stato, fra i quali l'area in discussione. Nel 1998, gli ordini di fermare i lavori sono stati emessi contro cinque accampamenti di tende che si trovavano nella zona destinata all'agricoltura, di fronte alla comunità [moshav], alcuni di questi sono stati demoliti quello stesso anno. 

Nel luglio 2008, il coordinatore delle ispezioni dell'Amministrazione Civile ha consegnato altri due ordini di fermare i lavori ai residenti di due nuovi accampamenti di tende che sorgevano nella stessa parte di terreni dello Stato, tra cui l'accampamento vicino alle serre e ai terreni agricoli di Massua, situato a 150 metri da quella comunità stessa. "Nonostante un'ordinanza d'urgenza che vietava [agli abitanti del villaggio] di proseguire la costruzione e lo spostamento negli edifici, hanno continuato a portare avanti la costruzione senza autorizzazione e in violazione della legge. I residenti del villaggio che sorge vicino alla comunità di Massua testimoniano che le loro relazioni erano eccellenti, ed era effettivamente così. L'erezione del muro da parte dei residenti di Massua è stata effettuata secondo la legge, con un permesso, e in presenza di personale dell'esercito e dei funzionari dell'Amministrazione Civile. Non vi è alcun fondamento nell'affermazione degli abitanti del villaggio di essere stati trattati con violenza. Sono loro ad aver agito con violenza e abbiamo la documentazione di questo. L'insediamento intende presentare al tribunale una richiesta affinché vengano eseguiti immediatamente gli ordini contro gli edifici che sono stati costruiti nella periferia di Massua, senza permesso e in violazione dei precedenti ordini del tribunale". Doron Yisrael, il coordinatore della comunità di Massua, dice di essere a conoscenza della petizione presentata dai palestinesi all'Alta Corte, ma dice che è basata "su affermazioni false." Il terreno in questione "è stato assegnato al moshav di Massua legalmente", ha spiegato Yisrael, "per lo sviluppo dell'agricoltura. 

I pastori in questione sono membri della famiglia Adais, una ricca famiglia del villaggio di Yatta nel distretto di Hebron, che negli ultimi anni ha sconfinato nelle nostre terre. " Secondo lui, la petizione è stata presentata dopo che l'Amministrazione Civile "ha iniziato a svolgere azioni di contrasto contro le costruzioni eseguite senza permesso." Egli aggiunge che, secondo l'ordine provvisorio rilasciato in merito alla petizione, "Le strutture non saranno demolite, a condizione che la situazione sul terreno venga congelata, sia rispetto alla costruzione che all'utilizzazione degli edifici - fino a quando non ci sarà una decisione in merito alla petizione. Tuttavia, nonostante le disposizioni dell'ordine, gli intrusi hanno costruito senza permesso ad un ritmo più veloce, hanno affittato gli edifici e hanno anche iniziato altre costruzioni.” La recinzione è stata eretta, secondo Yisrael, a causa della "impotenza dell'Amministrazione civile" e sulla base di un'autorizzazione del Consiglio regionale. "Il recinto", dice, "è destinato a prevenire i danni causati dall'ingresso di greggi nel nostro territorio e per prevenire la diffusione della costruzione illegale su altri terreni." La costruzione della barriera, egli afferma, è stata fermata diverse volte, “sulla scia della furia dai palestinesi, che erano accompagnati da attivisti stranieri di sinistra". E aggiunge: "In entrambi gli episodi in cui i palestinesi e gli attivisti di sinistra si sono scatenati, i coloni non hanno usato la violenza." Nel frattempo, la recinzione non è ancora completa, e sembra più una dichiarazione fisica di intenti. Nel pomeriggio, quando le pecore iniziano a tornare dal pascolo, una grande nuvola di polvere sorge alle loro spalle. Per un momento si potrebbe pensare che questa sia una tranquilla scena idilliaca di campagna, da qualche parte nella valle del Giordano. 

Tradotto da Barbara Gagliardi